Dimagrire: quello che conta è la tua decisione

Moltissimi di noi pensano che per poter raggiungere determinati risultati debbano pianificare una serie di “step” da seguire che piano piano li porteranno alla destinazione desiderata.

Ad esempio: voglio perdere peso. Diciamo dieci chili. Ed ecco che allora nella nostra mente pensiamo che si debba andare dal nutrizionista, poi eseguire alla lettera ciò che ci viene indicato di fare e alla fine festeggiare il nostro nuovo corpo con dieci chili in meno.

Tutto molto logico e scientifico, basato sul principio di causa-effetto. Questo è quello che ci hanno insegnato e che io stesso molto spesso divulgo in StudioDarwin.com.In realtà però la vera causa scatenante dell’effetto “perdita di peso” (ma vale per qualsiasi altro obiettivo di vita) è la decisione che prendi. Si tratta di quel momento in cui dici: “ok, facciamo che questa cosa accade”. Ed é chiaro che quanto più questa decisione é profonda, insindacabile, inamovibile, tanto più aumentano le probabilità che le cose accadano.

La cosa curiosa è che poi questa decisione la di può “toccare con mano”, la si può percepire chiaramente nella persona che l’ha presa. Molte persone mi dicono: “voglio perdere peso e ce la farò”. E nel momento in cui mi vien pronunciata questa frase capisco immediatamente se la persona ha preso una reale decisione o se quanto dice è semplice frutto di entusiasmo passeggero.

Allo stesso modo quando mi metto a lavorare su un progetto nel quale non credo veramente, posso anche lavorarci duramente ma il conflitto tra quello che faccio e la mancanza della convinzione, di una decisione forte alla base mi accorgo che viene percepita dal mio interlocutore.

La decisione profonda, solida, autentica. Poi la strada per andare da A a B, dal sovrappeso al peso salutare, quella la si trova.


Lascia un commento

Your email address will not be published.

top