Il vero motivo per cui mangi troppo (e sei sovrappeso): la regola dell’1,5%

In questo post ti parlo di quello che è il meccanismo principale dell’accumulo di ciccia. La cosa ti interessa?

Ti avviso: non ti parlerò di proteine, carboidrati, calorie. Quella è roba noiosa. Parlerò di qualcosa di molto più pratico.

Ho spesso avuto, nel corso della mia vita, problemi di sovrappeso. Sia chiaro: non sono mai stato come Gerry Scotti, ma in alcuni periodi l’ago della bilancia mi è sfuggito di qualche chilo e a volte anche più di “qualche”.

Gianfrà: mannaggia, hai studiato nutrizione umana eppure sei stato in sovrappeso?Ma a chi vuoi rompre allora? Io c’ho la carbonara che m’aspetta a casa e sto anche qua a darti retta..

La risposta è: si; e questa è la prova evidente che sapere tutto sulla teoria degli alimenti e della nutrizione potrebbe non serivre. Anzi: molto spesso i nutrizionisti stessi sono in sovrappeso e le persone magre non sanno un bel niente di grassi, metabolismo eccetera eccetera.

Tieni buona questa risposta. Lo so che non è chiara, ma nel corso del post te la svelerò al meglio e in modo che tu possa trarne beneficio e veder sparire (me lo auguro) la tua pancia.

Cominciamo a farci due (di numero) domande:

 

#1 Perchè mangi?

La risposta è di una semplicità banalissima: perché sei un animale. E come tutti gli animali devi mangiare per rimanere in vita e non morire di fame. Anche se molti non ci credono, anche gli uomini sono animali. Anche se indossi una tuta dell’Adidas o una polo Lacoste, non vuol dire che sotto quel vestito tu non sia per il 98,5% geneticamente identifico ad uno scimpanzé.

 

#2 Perchè mangi TROPPO?

Perché non sei solo un animale, e alcune tue esigenze non si soddisfano con il cibo. Lo so, qua le cose si complicano, ma farò in modo di semplificarle al massimo.

Prima ti dicevo che l’uomo all’incirca per il 98,5% è geneticamente identico ad uno scimpanzé. Giusto. E l’altro 1,5%? L’altro 1,5% ci rende, evidentemente, diversi dalle scimmie.

E in cosa consisterebbe la differenza tra un commercialista di Milano da uno scimpanzé attaccato ad una liana?

La vedi? Sei tu. Solo che queste sipatiche scimmiotte non hanno problemi di peso. Perchè?

 

Quella della differenza tra l’uomo e l’animale è una vecchia questione ancora irrisolta ma, come avrai capito, è fondamentale per farti perdere il peso che hai di troppo.
Generalmente ci si affida al termine “cultura”; semplificando, si dice cioè che l’uomo è dato dalla somma “Animale”+”Cultura”. Premesso che sul significato del termine “cultura” ci si potrebbe scannare per ore, in realtà anche gli animali hanno una “cultura”.

La differenza sta nel fatto che le loro conoscenze, la loro cultura, è finalizzata alla loro vita biologica. L’uomo invece ha necessità culturali di tipo “filosofico”, non legate cioè alla sua vita biologica e non legate ad un’ utilità immediata.

Queste necessità culturali filosofiche, (o “dell’infinito”, come le ha definite papa Ratzinger in un omelia del 9 marzo 2008) non vengono soddisfatte abbuffandosi di pizza, coca cola e kebab, ma attraverso il consumo di cibi diversi: musica, teatro, religione, sport, viaggi e la propria crescita personale e professionale.

Per cui, ti riassumo la questione e cerco di dirtelo in modo ancora più chiaro:
se sei grasso hai problemi di tipo spirituale e sociale.

Non è un problema di cibo; il cibo è un riempitivo, un tentativo di rimediare. Attraverso il cibo pensi di soddisfare esigenze che non richiedono cibo, ma lettura, arte, socialità, sport.

Preferisci passare il tuo sabato sera con una bella ragazza/o oppure sul divano con una confezione maxi di patatine? Vuoi stare spaparanzato davanti alla televisione o preferisci coltivare un tuo interesse?

Io tutte le sante volte in cui ho messo da parte la chitarra e ho smesso di scrivere canzoni in preda a chissà quale crisi esistenziale, ho sempre preso chili. A proposito di chitarra, ho appena pubblicato il nuovo singolo “Tu puttana tuttora”. Lo trovi su iTunes, Amazon e tutte le altre maggiori piattaforme online.

Torniamo a quanto dicevamo. Una volta compreso il concetto di cui ti ho parlato finora, e prese le giuste contromisure, vedrai la tua ciccia autodistruggersi giorno dopo giorno.

 

Contromisure. Già, ma quali?

Sarò sincero e parlo contro il mio interesse: se hai grossi problemi di peso, vai da uno psicoterapeuta. Noi, biologi, nutrizionisti, medici, curiamo la biologia del tuo corpo informandoti circa le tue esigenze biologiche e prescrivendoti una dieta

Tuttavia per fare chiarezza e agire in profondità sui meccanismi del tuo comportamento alimentare ritengo che possiamo fare molto poco, almeno rispetto ad un professionista della psiche.

Puoi però cominciare da solo a fare un lavoro più superficiale ma che se tu riuscissi a far diventare un’abitudine potrebbe rivelarsi uno dei più grossi investimenti della tua vita.

 

Trova un proposito di vita

Avere una missione nella vita è fondamentale. E se ancora non ce l’hai, cercala con insistenza. Per missione di vita intendo il fine ultimo della tua esistenza. Se non sai cosa rispondere a questa domanda e, anzi, la trovi “freak” e da psicobiologo da strapazzo, leggi quest’articolo sul cosa fare della tua vita.

Leggi libri

Vuoi avere una consapevolezza superiore della tua esistenza e distrarti da quelle porcherie che hai nella dispensa? Leggi. E se già sei un lettore, leggi di più. Possibilmente non riviste per casalinghe disperate.

Trovati uno sport divertente

L’attività fisica non è qualcosa da abbinare alla tua dieta. E’ il contrario: l’attività fisica deve essere una componente costante della tua vita alla quale associare una buona alimentazione. Te lo dico in modo un po’ brusco ma solo per amore della verità e per fare in modo che tu possa veramente intraprendere un percorso virtuoso: senza attività fisica è praticamente impossibile perdere peso in modo salutare e definitivo.

Non vado oltre, mi fermo qui. Dovrei scrivere un mucchio di altra roba per esaurire l’argomento. Non lo posso fare ora, ma mi sto organizzando per il futuro. Anzi, già che ci sono te lo anticipo: fra non molto tempo pubblicherò un mio ebook sulla perdita di peso. Stai sintonizzato. Nel frattempo ti riassumo tre azioni che puoi fare oggi:
leggi un libro;
vai con gli amici a fare sport;
cerca con insistenza di capire cosa vuoi fare della tua vita.

 

Fallo oggi e fallo per sempre. La tua vita cambierà in meglio.

 

Ciao. A presto  ;-)
Gianfranco.

Immagine dal web

 

Post correlati

Come perdere peso: il “segreto dei tre piatti” (fallire è impossibile!)

Come organizzare qualsiasi pasto e perdere peso: la “regola dell’uno”

 

 

 

 

Tags

Lascia un commento

Your email address will not be published.

top